FEDERICA BRITTI

L’arte tra le mani

La creatività non riscontra limitazioni se la si vive come merita, ossia una necessità d’esternazione della propria personalità. Essa implica sempre una elargita manifestazione esterna del proprio richiamo all’arte, qualunque sia la ramificazione della stessa. Non riuscendo a categorizzare l’arte in un’unica modalità espressiva, ogni volta che intravedo un’appassionata forma creativa d’opera mi concento nelle possibilità d’assorbirne la magia d’estro altrui. Ovverosia, assorbo totalmente l’energia positiva concentrata nell’esternazione artistica della propria passione. In tal senso non escludo, ma includo nel concetto d’arte svariate attività tecniche che per i rigorosi ed esclusivisti possono ritenersi inappropriate. Per me laddove ci sia anima creativa degna di passione c’è arte!

La prestazione di sé è la migliore arma per esternare la propria consapevolezza artistica. L’immagine talvolta è compromessa a livello concettualistico poiché ritenuta un’esteriorità troppo vuota per colmare una contenutistica. Invece la professionalità altrui, come quella di Federica Britti sono l’esemplare prova di come curare l’immagine sia una dedizione, basata sullo studio, sul lavoro e passione.  

Come è nata la tua passione?

In realtà la mia passione è nata da uno dei miei più grandi difetti, l’onicofagia. Mangiavo unghie e cuticole fino a farle sanguinare. Ovviamente nel periodo adolescenziale ho iniziato ad avere il desiderio di vedermi la mano più femminile e comprai i miei primi smalti, kit di ricostruzione ecc.

Qual è stato il percorso formativo che ti ha portato a sviluppare le tue doti come onicotecnica?

Inizialmente ho iniziato guardando tutorial on line e provando su me stessa. In seguito feci un corso di ricostruzione unghie vero e proprio seguito dal corso di estetica specializzata di 3 anni.

Quali sono le tecniche principali da conoscere?

Sicuramente conoscere le basi, manicure  ed anatomia della mano e dell’unghia.

Quando hai deciso di diventare onicotecnica?

Intorno ai 16/17 anni.

Cosa consiglieresti alle ragazze che hanno intenzione di iniziare con questa professione?

È una bellissima professione quindi consiglierei innanzitutto di capire se è realmente una passione e poi di fare formazione prima di avventurarsi e far pratica su altre persone. Non è così facile come sembra ma consiglio di non demordere e  fare, tanta, tantissima pratica!

Quali decorazioni preferisci?

Amo le decorazioni asimmetriche, particolari ma delicate, le polveri olografiche e le sfumature!

Hai qualche preferenza sulla colorazione?

Adoro i colori tenui, colori pastello e tutte le nuance dei nude colours.

Cosa consideri importante nella tua professione?

La creatività e l’intesa che si crea con la cliente. Bisogna capire cosa la cliente si aspetta da te e dal servizio che le si offre. Ovviamente considero fondamentale la formazione.

Vi è una particolare tecnica decorativa che preferisci?

L’effetto sirena delle polveri olografiche

Raccontaci di te. Cosa ami fare nella vita e quali sono i tuoi valori cardine che usi come precetti di vita? Amo confrontarmi con situazioni e persone nuove, amo avere sempre obiettivi e ovviamente raggiungerli. Non amo la staticità. Amo le sfide con me stessa ed amo le buone compagnie, il buon cibo e la natura! Amo lo sport e la palestra. Spesso sono fin troppo iperattiva. Credo che uno dei valori più importanti nella mia vita sia l’onestà: con gli altri e con se stessi! Sono empatica, dolce, testarda e determinata… un mix!

Cos’è per te la bellezza?

La bellezza è guardarsi allo specchio ed essere fieri di se stessi e non limitarsi all’aspetto fisico fine a se stesso, è anche l’accettazione del proprio essere e la consapevolezza che si è artefici del proprio destino e la propria serenità!

La cura di sé: quanto è importante curare il proprio corpo per sentirsi bene con se stessi?

È importante, molto importante. È uno dei modi migliori per “volersi bene”.

Da quanti anni svolgi questa professione e come è cominciata?

Da circa 11 anni.

Dove vivi e lavori?

Vivo e Lavoro a Londra da 6 anni.

Quali sono le tue aspirazioni future?

Viaggiare, aprire un mio centro estetico e magari diventare insegnante (onicotecnica).

Instagram Page: Finsburybeautyandnails

Lascia un commento